CHIAMAE-MAIL

PIANO VACCINI ANTI COVID A PARMA

Il test sierologico è l’esame che consente di verificare se un soggetto è venuto a contatto con il virus Covid/ Sars Cpv-2 e se ha sviluppato anticorpi specifici.

Il test, a partire da un prelievo venoso, consente di verificare la presenza di anticorpi dopo un periodo di  2-3 settimane dalla comparsa dei sintomi.

Ma i test sierologici svolgono un’altra funzione determinante in relazione ai vaccini anti-Covid.
Grazie alla rilevazione dei test è infatti possibile valutare l’effettiva risposta immunitaria del vaccino, così come l’effettiva durata della sua azione.

All’interno del Piano vaccini anti Covid-19 – elaborato dal Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, Decreto 2 gennaio 2021 – compare infatti il capitolo “vaccinovigilanza e sorveglianza immunologica”, dove si apprende:

  • sarà condotta unindagine sierologica su un numero rappresentativo di individui vaccinati;
  • obiettivo: valutare la specificità della risposta immunitaria e la durata della memoria immunologica;
  • il monitoraggio coinvolgerà un rappresentativo campione di vaccinati, stratificati per area geografica, età, genere e stato di salute;
  • un test sierologico iniziale (tempo zero) sarà condotto immediatamente prima della vaccinazione;
  • test di confronto saranno svolti a 1, 6, 12 mesi di distanza.

Nel commento del Professor Vincenzo Barnaba, immunologo all’Istituto Pasteur e alla Sapienza Università di Roma:
“Un lavoro di questo genere è fondamentale per determinare il funzionamento del vaccino. Con i test sierologici l’Istituto Superiore di Sanità potrà misurare gli anticorpi propriamente neutralizzanti, quelli che bloccano il virus”.

Anche il Consiglio nazionale delle ricerche ha annunciato l’avvio di un’indagine sierologica nell’arco dei prossimi due mesi, per valutare la risposta immunitaria della popolazione all’infezione.
S
i valuterà la presenza di anticorpi nel siero separato dal sangue di migliaia di pazienti per seguire nel tempo l’esposizione della popolazione al virus. La seconda parte dello studio, condotta tra 10 o 12 mesi, darà quindi informazioni sulla risposta alla vaccinazione.

La raccolta dei sieri per lo studio epidemiologico sarà basata su volontari che forniranno un consenso informato.

Gemini Medicina Specialistica.
Una scelta di salute
consapevole.

Loading...