VISITA SPECIALISTICA FISIATRICA A PARMA

La visita specialistica fisiatrica consente di identificare la tipologia di difficoltà motorie e funzionali che conseguono a malattie scheletriche, muscolari o nervose, con lo scopo di ristabilire il più possibile la funzionalità e migliorare la qualità di vita del paziente.

La Fisiatria è infatti la branca medica che si occupa della diagnosi, terapia e cura farmacologica e riabilitativa delle disabilità conseguenti a malattie invalidanti di natura neurologica, ortopedica, reumatologica, traumatica.

Disturbi di muscoli, articolazioni, tendini e scheletro possono insorgere in seguito a traumi, infiammazioni, patologie croniche o post operatorie, con imitazioni più o meno significative di una serie di funzionalità nella vita quotidiana del paziente. 

I casi delle funzionalità compromesse riguardano: 

  • difficoltà nelle attività motorie;
  • disturbi del linguaggio;
  • disturbi della deglutizione;
  • difficoltà dell’apparato respiratorio;
  • incontinenza;
  • dolore cronico.

PRENOTA UNA VISITA SPECIALISTICA FISIATRICA PRESSO IL POLIAMBULATORIO GEMINI A PARMA

Il Poliambulatorio Gemini offre ai propri pazienti una serie di prestazioni fisiatriche prenotabili chiamando direttamente in segreteria.

MEDICI DI REPARTO

DELAIDINI dott.ssa Daniela
LUSENTI dott.ssa Pieremilia
SCHIANCHI dott. Luca

PRESTAZIONI

Visita specialistica fisiatrica
Mesoterapia
Visita di controllo
Controllo esami

La visita specialistica fisiatrica non richiede alcuna preparazione particolare da parte del paziente. 

Durata della visita: fino a  30 minuti.

Contatta la segreteria per fissare un appuntamento:

0521985454

 

o prenota online

PATOLOGIE

Le patologie osservate tramite la visita fisiatrica includono quindi uno spettro molto ampio, di diversa origine e natura. Una lista parziale include i casi seguenti:

  • Artrosi
  • Cefalea, emicrania, nevralgia di Arnold
  • Cervicale
  • Cervico-brachialgie
  • Cruralgia vertebrale comune
  • Dismenorrea, disturbi della gravidanza e post parto
  • Disturbi della deambulazione
  • Disturbi viscerali
  • Dorsalgie
  • Epicondilite
  • Esiti di amputazioni arti inferiori e superiori: rieducazione, adattamento della protesi e della muscolatura;
  • Infiammazione delle articolazioni
  • Lombalgie
  • Patologie del ginocchio: distorsioni, lesioni del menisco, lesioni legamenti collaterali e crociati, gonalgia, rottura del menisco;
  • Patologie del piede: distorsioni, piede valgo, varo, piatto, torto congenito (pre e post trattamento chirurgico, atteggiamenti antalgici;
  • Patologie dell’anca: protesi d’anca, artrosi, coxalgia (dolore cronico);
  • Patologie della caviglia: rottura del tendine d’Achille o altri tendini, contusioni, lussazioni, distorsioni, post immobilizzazione o trattamento chirurgico;
  • Patologie della clavicola: frattura, lussazione;
    Patologie della colonna vertebrale: scoliosi, iperlordosi lombare, cifo-lordosi, dorso curvo, paramorfismi;
  • Patologie della spalla: artrosi, lussazioni, distorsioni, rottura cuffia dei rotatori (pre e post trattamento chirurgico), periartrite scapolo omerale, malattia di Duplay;
  • Pubalgia
  • Sciatalgie
  • Sindromi algo-disfunzionali della articolazione temporo-mandibolare (ATM)
  • Tendiniti
  • Torcicollo, torcicollo miogeno congenito
  • Traumi: muscolari, contusioni, colpo di frusta, lesione traumatica acuta dei tessuti molli.

VISITA

Nella prima fase della visita, il fisiatra svolge un’anamnesi per valutare la storia clinica, soprattutto recente, e conoscere caratteristiche dello stile di vita legate alla professione ed eventuale attività sportiva praticata, oltre che considerare eventuali patologie concomitanti.

Fa seguito l’esame obiettivo, per stabilire le capacità funzionali del paziente in relazione al disturbo riportato. L’esame può includere l’esecuzione di test di verifica che comprendono:

  • valutazione del sistema nervoso autonomo;
  • valutazione dei disturbi cognitivi;
  • valutazione dei disturbi del linguaggio;
  • valutazione della continenza urinaria;
  • test del cammino;
  • test da sforzo e cardiopolmonare

TERAPIE

Se il fisiatra non ritiene di dover approfondire ulteriormente, la visita si conclude con la prescrizione del piano terapeutico, o con l’applicazione diretta di strumenti e tecniche di trattamento, che includono:

  • Termoterapia
  • Elettroterapia
  • Tecarterapia
  • Massoterapia
  • Manipolazioni vertebrali

Le modalità d’intervento diretto da parte del fisiatra dipendono dalle condizioni presenti del paziente.