doctor conducting the ultrasound procedure to pregnant woman

L’Ecografia è una metodica d’indagine che genera immagini del corpo umano per mezzo degli ultrasuoni (cioè energia meccanica sotto forma di onde sonore con una frequenza superiore a quella più alta mediamente udibile dall’orecchio umano, circa 20 KHz).

Il fenomeno dell’eco dipende dalla riflessione delle onde sonore che rimbalzano contro la superficie dell’ostacolo, che è di diversa natura rispetto al mezzo di propagazione (aria), sino al ritorno all’orecchio dell’ascoltatore.

L’impiego comune dell’esame ecografico serve per studiare numerosi organi, fra cui:

– collo: tiroide, paratiroidi (patologiche), linfonodi, vasi, ghiandole salivari maggiori/minori, formazioni lipomatose e/o cistiche e/o solide cervicali.

– torace: mammelle, cavi ascellari.

– addome superiore/inferiore: fegato e vie biliari, pancreas, milza, reni, vescica, prostata, utero ed annessi, anse intestinali, linfoadenomegalìe.

– parti molli: tumefazioni solide superficiali (cisti e lipomi).

– articolazioni e tendini: versamenti, tendiniti, scollamenti tendinei.